La FITRI ha annullato tutti gli eventi fino al 28 giugno a causa del Coronavirus, la gara altoatesina in programma per il 9 maggio andrà al 2021

32 anni fa nasceva il Triathlon del Lago di Caldaro e da allora ha scritto pagine di storia del triathlon nazionale e internazionale, regalando momenti di grande sport e di spettacolo agli sportivi e agli appassionati. L’evento altoatesino ha contribuito a suo modo a far conoscere le potenzialità turistiche di una zona particolarmente apprezzata per lo sport outdoor e per le peculiarità enogastronomiche.

Il calendario 2020 vedeva l’appuntamento fissato, come tradizione, ad inizio maggio, sabato 9 maggio. La FITRI, la federazione nazionale, in rispetto delle norme ministeriali e nell’ottica di contribuire alla limitazione del contagio di Covid-19 ha annullato di fatto tutti gli eventi fino al 28 giugno, e dunque anche il Triathlon del Lago di Caldaro non potrà svolgersi. Gli organizzatori altoatesini, consci del problema, avevano già esaminato la situazione da tempo ed una delle ipotesi era lo slittamento in autunno, fatto questo non ammesso però dalle recenti decisioni FITRI, anche per proteggere i campionati nazionali. Così il 32° Triathlon olimpico del Lago di Caldaro, presieduto da Werner Maier, è stato rinviato all’8 maggio 2021.

Una decisione forzata ma necessaria, anche nel rispetto di quanti stanno vivendo momenti dolorosi a causa della pandemia. Le numerose iscrizioni già pervenute saranno ritenute valide per l’edizione 2021.