Gli appassionati di ciclismo possono sorridere: il 29 febbraio tornano le Classiche del pavé, fra le competizioni più storiche della disciplina, incorniciate dalla bellezza delle Fiandre e del nord della Francia. Chiamate così per la presenza lungo il percorso di parecchi tratti di pavé, pavimentazione stradale fatta con cubetti generalmente di pietra, le Classiche del pavé sono in tutto tredici gare, alcune delle quali hanno origini storiche.

Una gara storica

La più antica di queste, la Parigi-Roubaix, che chiude anche la competizione, fu corsa per la prima volta nel 1896. Negli anni successivi, invece, nacquero le altre gare, fino a formare appunto questa competizione, che segue un rigido copione ormai da molti anni. Si inizia sempre l’ultimo sabato di febbraio con la Omloop Het Nieuwsblad, gara inaugurale, cui segue il giorno dopo la Kuurne-Bruxelles-Kuurne e il mercoledì seguente la gara di Le Samyn. Da queste si passa poi per altre gare, molto ravvicinate fra loro, tanto che l’ultima gara si deve correre la seconda domenica di aprile, il che vuol dire che la competizione dura meno di cinquanta giorni.

Risultato immagini per classiche del pavè

Proprio per questo, a cui vanno aggiunte anche le condizioni atmosferiche e del terreno, spesso avverse, la preparazione atletica deve essere impeccabile, rendendo le Classiche del pavé prove adatte solo a navigati professionisti. L’importanza di queste gare è tale che alcune di esse sono inserite nell’UCI World Tour, il circuito mondiale di ciclismo su strada, presieduto dall’Unione Ciclistica Internazionale.

Il giro delle Fiandre

Oltre alla Omloop Het Nieuwsblad e alla Parigi-Roubaix troviamo, tra le altre, anche Gand-Wevelgem e il Giro delle Fiandre, considerate assieme alla gara parigina le vere “Grandi Classiche” del pavé, nonché le più antiche, in quanto nate rispettivamente nel 1934 e nel 1913, e dunque precedute solo dalla Parigi-Roubaix. Quest’anno il via sarà dato il 29 febbraio, mentre l’ultima gara si terrà il 12 aprile, dove si vedrà chi avrà vinto le gare, entrando dunque nell’albo d’oro dei campioni, tra cui ricordiamo il “nostro” Fiorenzo Magni, Eddie Mercx, Eric Leman, per passare negli anni più recenti a Fabian Cancellara e Tom Boonen, primo nella classifica dei vincitori delle tre “Grandi Classiche”, con ben dieci vittorie complessive.