Il Campionato Italiano Assoluto di MTB 2020 richiederà tanto lavoro. Le prime impressioni di Daniel Schuster: “Coronamento di un sogno per il comitato locale.”

Campionato Italiano XCO 2020 assegnato alla Valle di Casies, a coronamento di un grande lavoro per il comitato ASV Colle. Il prestigioso evento di mountain bike si terrà l’11 e il 12 luglio nella suggestiva vallata altoatesina, e l’organizzazione locale ha già avviato la preparazione. Come afferma uno dei responsabili del comitato organizzatore Daniel Schuster: “Abbiamo iniziato con la preparazione, al momento siamo occupati con gli sponsor e con il budget per valutare attentamente come realizzare l’evento”. Gli sforzi sono dunque stati premiati: “Abbiamo iniziato cinque anni fa con le gare di Coppa Italia giovanili – prosegue Schuster, – quindi gli Italiani ogni anno in tutte le specialità del cross country e, sì, questo è proprio il finale perfetto di un percorso iniziato da qualche anno, decisamente una bella sfida per noi”.

Il percorso di gara

Il tracciato si preannuncia spettacolare, un terreno di gara che i protagonisti potrebbero già conoscere: “Il percorso resterà per gran parte invariato rispetto alle ultime gare effettuate, stiamo valutando qualche alternativa ma vedremo prossimamente”. Il percorso, dopo gli applausi riscossi nelle passate competizioni tricolori, sarà all’insegna della tecnicità, impegnativo al punto giusto per esaltare i fuoriclasse delle ruote artigliate, ed ora non resta che far scattare il countdown. Il comitato informa inoltre che le gare degli agonisti (élite, U23 e Juniores) sono state spostate dalla giornata di sabato a quella di domenica, a causa della concomitanza con la Dolomiti Superbike in programma proprio il sabato del Campionato Italiano Assoluto di cross country 2020.

Favoriti per l’anno olimpico?

“Direi sempre gli stessi, con Gerhard Kerschbaumer e fra le donne Eva Lechner probabilmente un passo avanti a tutti”. Quest’ultima vanta infatti una sfilza di successi, tra i quali tre ori mondiali e due europei, mentre il primo ben quattro ori mondiali. Atleti esperti con i favori dei pronostici, ma nella mountain bike, è risaputo, le sorprese sono dietro l’angolo. “Stiamo valutando anche gli eventi di contorno” conclude Daniel Schuster, “per dare un’ulteriore ventata d’aria fresca”.