Il Capodanno riporta Ostia al centro dell’attenzione. L’Opening del primo bar del settore extralberghiero a suon di blues per riqualificare il Parco Paolo Orlando e la porta del Mare di Roma, La Stazione lido Centro.

Il Parco di Paolo Orlando torna aperto e fruibile, su iniziativa dell’Amministrazione, dopo anni di abbandono e degrado. In occasione delle festività Natalizie anche gli operatori del settore turistico ricettivo lasciano un segno per la riqualificazione di Piazzale della Stazione del Lido ed il miglioramento dell’offerta turistica. Per questo motivo nasce il primo bar in Italia del settore extralberghiero. Il Greed Lounge Bar, che prende il nome dalla villa in stile Miami Way posizionata vicino al Porto Turistico che ha elevato il livello della ricettività sul Mare.

L’esperienza nel Litorale

A partire da questo Natale il turista, all’arrivo alla reception di Ostia Holiday, potrà percepire sin da subito un’offerta enogastronomica caratteristica del Litorale, trovandosi nell’atmosfera in un concept bar moderno e dall’ambientazione elegante, in cui apprezzare cibi e bevande accuratamente selezionati. Un light lunch per chi vuole restare leggero o aperitivi gustosi con degustazioni di prodotti tipici.

Il progetto a cura di Ostia Holiday

L’Opening del nuovo bar rientra nella visione, sposata dalla start up Ostia Holiday,  del più ampio  progetto  amministrativo di  riqualificazione del Piazzale Lido Centro e del Parco Paolo Orando,  temporaneamente affidato all’Associazione Carabinieri, per il quale sono previsti i bandi si sponsorizzazione e a seguire di Gestione dell’area Pubblica, con il nuovo regolamento della Commissione Ambiente.
“Restituire il parco ai cittadini e migliorare l’accoglienza turistica farà bene a tutta la comunità residente”– commenta Federico Salomone di Ostia Holiday che coglie lo spirito di rinascita con il quale l’Amministrazione ha riaperto uno spazio pubblico, che era in uno stato di degrado, ai cittadini.
“Il cedro crescerà forte e resterà come simbolo di questo parco. Uno spazio che va vissuto e frequentato con eventi”, le parole dell’Assessore Alessandro Ieva nel momento dell’allestimento dell’albero di Natale donato dal Dipartimento Ambiente.

Ostia Suona Bene, il Mississippi a due passi da Roma

Così l’Area Promozione turistica ed Eventi di Ostia Holiday, curata da Giampaolo Scardia è partita con una nuova rassegna musicale itinerante, Ostia Suona Bene. La musica che rievoca atmosfere di un’altra epoca, quella di Mario Donadone ha riportato durante l’opening tutti i partecipanti nello swing anni ’50. Ancora pochi sanno che ad Ostia, all’uscita della Stazione Lido Centro, spicca un luogo lontano dal tempo, dove alcuni tra i migliori musicisti di Roma vengono a suonare dove la Capitale incontra il Mare, salutando la città.

Sarà un inverno ricco di musica, aspettando la primavera, quello che il Greed Lounge Bar offrirà con un nuovo format per il giovedì sera, nella programmazione dei concerti, una proposta artistica composta da diversi generi. Sarà possibile ascoltare dal vivo la musica dei vecchi dischi a 78 giri di Duke Ellington, Jimmy Lunceford, Chick Webb, Count Basie, Louis Jordan, Cab Calloway, una vera e propria “Harlem Renaissance”. Un richiamo allo swing, oggi tornato di moda, e riproposto da interpreti che, come per incanto, ricreeranno le atmosfere dei famosi locali americani degli anni 30’, come il Cotton Club, il Savoy, ma anche il Paramount.

Febbraio partirà con un viaggio nel Delta del Mississipi, e tante band che masticano blues. A partecipare tutti gli appassionati del genere, le scuole di musica, in una rassegna che prevede serate jam session. Un repertorio che strizza l’occhio ai grandi padri fondatori del blues, ma anche agli artisti della nuova generazione e alle sonorità più elettriche.