A tu per tu con una delle cycling influencer più seguite del nostro paese

Sui social Giulia racconta le faticose avventure in sella alla sua bici da corsa, ma lo fa senza mai perdere il sorriso nonostante il sudore. Sarà per questo che i suoi profili sono seguitissimi dagli appassionati di ciclismo. Di certo malgrado l’allegria contagiosa, Giulia sui pedali fa sul serio, lo dimostrano il terzo posto conquistato ai campionati nazionali di categoria e le tante vette conquistate e condivise su Instagram. Mortirolo, Gavia e Ghisallo, mete ambite per ogni ciclista che si rispetti, non hanno segreti per lei. Eppure, come ci ha confessato, la sua passione per il ciclismo è nata da poco grazie ad Andrea, il suo fidanzato, anche se è sempre stata una ragazza sportiva, infatti praticava già tennis e golf.

La passione per il ciclismo

Però il ciclismo l’ha conquistata, visto l’impegno con il quale lo affronta. Anche se un primo consiglio che ci ha dato è quello di riposare: «il riposo è fondamentale – ha detto – e non solo quello delle gambe, ma soprattutto bisogna staccare con la testa». Durante l’anno però non si risparmia, dedicandosi ad allenamenti duri che includono anche lavori specifici e non solo a uscite blande.

E quella per i social

C’è però un’altra passione oltre ad Andrea e al ciclismo nella vita di Giulia. I sui profili Instagram e Facebook sono molto seguiti ed è diventata testimonial di alcune aziende del settore, insomma Giulia è una vera e propria cycling influencer. Quando le abbiamo chiesto qual è il segreto di tanto successo ci ha risposto: «cerco di essere me stessa, racconto la mia quotidianità tra lavoro e passione, questo piace molto a chi mi segue. Sono molto solare, energica e grintosa».

La passione diventa lavoro

E grintosa deve esserlo stato molto, visto che si è imposta in un mondo tradizionalmente maschile, lo dimostra anche il consiglio, rivolto alle ragazze che vorrebbero praticare ciclismo amatoriale, affidato alle nostre pagine: «donne, il mondo ha bisogno di noi, o meglio il ciclismo ha bisogno di noi (sorride ndr)». Certo non sarà facile per tutte conciliare passione e lavoro come fa Giulia che accanto agli allenamenti e alle gare in bici lavora come E-Commerce Specialist in un’azienda di abbigliamento da ciclismo e, confessa, «non potrei essere più felice». Ma se i risultati sono quelli che traspaiono dai grandi sorrisi di Giulia, forse tutte dovrebbero provare a salire in bici.

di Francesco Papa