In Sud Africa, sul campo par 71 del Randpark Golf Club di Johannesburg, è andato in scena il primo torneo della nuova stagione del tour europeo che ha visto trionfare il sudafricano Branden Grace con -21 seguito dalla stella di casa Oosthuizen a -18 e da Marcus Armitage a -16. Bella prestazione per gli azzurri Nino Bertasio e Lorenzo Scalise quindicesimi con il primo che ha disputato quattro solidi giri.

Una lineup non di altissimo livello che ha comunque messo in mostra una quattro giorni di golf interessante anche alla luce del fatto che il South African Open assegnava tre posti per il prossimo Open Championship andati, oltre che al primo ed al terzo classificato, Oosthuizen secondo era esentato, anche a Jaco Ahlers giunto quarto. 

Il tour americano ha visto Cameron Smith vincere il Sony Open ad Honolulu alla prima buca di spareggio contro Brendan Steele, al terzo posto Webb Simpson. Per  l’atleta australiano si tratta della seconda vittoria in carriera sul PGA Tour che gli dà il pass per il Maters di Augusta.

Il torneo, che si è disputato sul campo par 70 con un montepremi di 6,6 milioni di $, è stato avvincente, nonostante il field non stellare a causa di molte defezioni tra i notables tra cui anche il nostro Francesco Molinari il quale ha preferito allenarsi per i prossimi appuntamenti.

Il Sony Open rappresenta come da tradizione un “must” in termini di solidarietà grazie all’associazione “Friends of Hawaii Charities”, organizzatrice del torneo, che anche quest’anno ha potuto donare oltre 1 milione di $; inoltre in questa edizione sono stati raccolti fondi, grazie all’iniziativa dei golfisti australiani, in favore della lotta agli incendi in Australia.