Podium_Ledecka_Ochner_Hofmeister_PGS_W_Carezza_2018

Grande attesa per la tappa di Coppa del Mondo a Carezza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La Coppa del Mondo di snowboard è ai blocchi di partenza. Dopo l’esordio a Cortina d’Ampezzo di sabato 12 dicembre, la carovana si sposterà al Passo di Costalunga.  

Sulla pista Pra di Tori giovedì 17 dicembre avrà luogo un gigante parallelo, che gli snowboarder, soprattutto quelli locali, non vedono l’ora di disputare. Non c’è da sorprendersi: qui gli Azzurri hanno totalizzato tre vittorie e molti risultati eccellenti

Lo snowboarder altoatesino più vincente di tutti i tempi è Roland Fischnaller. Con la vittoria della Coppa del Mondo nella passata stagione si è eretto a monumento compiendo un’impresa che, prima di lui, era riuscita soltanto a Gustav Thöni tra tutti gli atleti altoatesini degli sport invernali. Inoltre, nella sua lunga carriera Roland Fischnaller ha vinto 5 medaglie ai Mondiali e festeggiato 18 vittorie in Coppa del Mondo.  

Due di queste sono riuscite all’ormai 40enne di Funes sulla pista Pra di Tori, dove all’esordio di Carezza in Coppa del Mondo, il 21 dicembre 2011, si è affermato nel gigante parallelo e dove ha bissato, sempre nella disciplina olimpica, anche nel 2014. 

“Ho potuto dare il nome a due cabine della cabinovia Hubertus. Naturalmente spero che quest’anno ne arrivi una terza. Non vedo l’ora che arrivi la gara di casa, anche perché per il prossimo fine settimana è prevista tantissima neve. Inoltre, è la decima volta che la Coppa del Mondo fa tappa a Carezza ed è bello che ci sia questo anniversario. E, se posso essere onesto, sono un po‘ stufo di allenarmi e voglio tornare finalmente a gareggiare”, spiega Roland Fischnaller. 

Fischnaller e Ochner sono i vincitori altoatesini a Carezza 

Conosce benissimo l’emozione di vincere in casa anche la compagna di squadra di Fischnaller, Nadya Ochner. Nel 2018 la ventisettenne di Postal ha vinto la sua prima gara individuale di Coppa del Mondo. Dato che l’anno scorso le gare sono state interrotte, Ochner è la campionessa in carica a Carezza.  

“Ogni anno vengo qui volentieri, perché conosco la pista, i dintorni e conosco personalmente anche tutti gli organizzatori. Penso che quest’anno le gare in casa saranno ancora più importanti per noi atleti: poiché a causa della pandemia di coronavirus non potranno esserci i tifosi, in questo ruolo si inseriranno i volontari e i ‘lisciatori’. Negli ultimi anni abbiamo già sentito quanto sono felici e quanto tengono le dita incrociate per noi”, afferma Ochner, che esattamente come Fischnaller ha gareggiato in tutte le gare di Coppa del Mondo svolte finora a Carezza. 

Questa settimana la nazionale italiana si sta allenando a Livigno. Il ritiro in corso si focalizza già sulle gare altoatesine di giovedì 17 dicembre. “La pista a Livigno è molto ripida e impegnativa. Per questo i tracciati d’allenamento sono fatti su misura per le gare sulla pista Pra di Tori”, rivela Fischnaller, che non sente un’eccessiva pressione su se stesso in quanto vincitore della Coppa del Mondo. “Sono molto felice della coppa. Ora, però, non mi interessa ciò che è stato. Da tempo ho rivolto il mio sguardo in avanti, sui compiti che mi aspettano”, aggiunge l’atleta esperto. E uno dei prossimi compiti è la gara a Carezza di giovedì 17 dicembre.”