Sky-Diving-Indoor-1

Indoor Skydiving: rimanere sospesi in aria si può!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Volare è sempre stato uno dei più grandi sogni dell’uomo fin dall’antichità. Grazie all’indoor skydiving, o comunemente chiamato anche paracadutismo indoor, può diventare finalmente realtà. All’interno di una particolare galleria del vento o Wind Tunnel viene generato un potente getto d’aria che riesce ad annullare la gravità e far fluttuare un corpo nell’ambiente.

Il successo dell’Indoor Skydiving

Il Volo Indoor nasce sostanzialmente come un supporto per l’allenamento dei paracadutisti affinchè migliorino le tecniche di caduta libera. Attraverso il Wind Tunnel è possibile ricreare situazioni meteo avverse in completa sicurezza aumentando così anche la velocità di apprendimento. Nel corso degli anni e con il moltiplicarsi delle strutture, l’Indoor Skydiving è diventato uno sport a tutti gli effetti con tanto di competizioni nazionali ed internazionali esclusive.

Il successo fu immediato. Non si tratta solo di una disciplina adrenalinica, ma soprattutto di un’esperienza praticabile da chiunque: dai bambini di tre anni fino agli adulti over sessanta. Un sogno che diventa realtà anche per tutte le persone affette da disabilità che possono cimentarsi in questo volo senza farsi male.

Le varie discipline

Riconosciuto dalla FAI come sport, l’Indoor Skydiving si declina in diverse specialità. La più famosa è FS4 – Formation Skydiving a 4 Elementi. Ogni squadra composta da quattro persone ha come l’obiettivo quello di eseguire il maggior numero di volte delle figure prestabilite al fine di ottenere il punteggio più alto.

Poi c’è il Dynamic, una disciplina prettamente artistica e altamente spettacolare. Si svolge o a coppia o in gruppo e prevede l’esecuzione di figure tridimensionali utilizzando l’intero spazio di volo disponibile. Sempre nell’ambito artistico rientra il Freestyle che consiste sostanzialmente nel ricreare figure in volo che ricordano la danza. Leggiadria, delicatezza e ritmo sono i punti di forza di questa specialità.

Infine, per quanto riguarda la tecnica, c’è il VFS o Vertical Formation Skydiving. Altro non è che la trasposizione indoor e verticale del RW4 (Relative Work a 4 elementi). Ogni squadra è composta per lo più da 4 atleti che dovranno mantenere in volo determinate figure prestabilite. Vince ovviamente chi totalizza più punti.

Dove praticarlo

L’Indoor Skydiving è ormai diffuso in tutto il mondo con più di duecento strutture. In Italia è possibile praticarlo sia a Roma presso Fly X o a Milano all’Aero Gravity, uno dei tunnel più grandi in assoluto. Per quanto riguarda invece i prezzi e tutte le informazioni necessarie si possono contattare direttamente gli impianti che sono a completa disposizione.