La pandemia in atto ha causato lo slittamento del tradizionale “This is May”, il magico mese di maggio durante il quale Indianapolis diventa, una volta ancora, la capitale, non solo americana, del motrosport grazie alla disputa della mitica Indy 500. Quest’anno il tutto sarà posticipato ad agosto, per la precisione al 23, quando si correrà l’edizione numero 104 della corsa più famosa del mondo. I preparativi sono già iniziati, sia a livello logistico che ammnistrativo, per un evento che ha già preso il nome di “May in August” e che si preannuncia storico, nonostante i nodi da sciogliere, causati dalle regole del distanziamento sociale, siano ancora diversi.

Prima di agosto però Indianapolis ospiterà un altro appuntamento motoristico che avrà l’onore e l’onere di aprire ufficialmente la stagione 2020 del catino più famoso del pianeta: il “Back on Track”. Il 4 luglio infatti si svolgerà, nello stesso giorno, sia una gara di Formula IndyCar, sul circuito stradale ricavato all’interno dell’ovale, che una di Nascar. Gli organizzatori stanno lavorando alla clemente per permettere lo svolgimento delle competizioni con la presenza del pubblico; sarebbe il primo grande evento sportivo USA a porte aperte.

Appuntamento quindi a luglio per la riapertura de “La Capitale Mondiale delle Corse” che sta approfittando di questa chiusura forzata per rifarsi il look e presentarsi ancora più in forma e pronta che mai per riaccogliere il gotha del motorsport a stelle e strisce.