skydive-cop

Lanciarsi con il paracadute tandem, un’attività per tutti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La voglia di volare è sempre stata insita nell’essere umano fin dai tempi più antichi. Negli ultimi anni il numero di persone che si sono avvicinate al mondo del paracadutismo è cresciuto a dismisura, chi per semplice curiosità e chi, invece, per vivere l’adrenalina della caduta libera. Dopotutto è uno sport facilmente praticabile dal momento che è necessario prenotare, presentarsi con abbigliamento sportivo e seguire un corso preparatorio di neanche 15 minuti.

Forse grazie anche alla diffusione tra i vari canali social, il lancio nel vuoto è diventato una voce fissa da spuntare tra le esperienze da fare almeno una volta nella vita. Come iniziare? La formula per i neofiti è sempre la stessa: il paracadute tandem.

Che cos’è il paracadute tandem?

Il paracadute tandem è un’attività sportiva che consiste nell’essere imbragati insieme ad un istruttore certificato che condurrà il passeggero in tutte le fasi di lancio: dalla preparazione all’atterraggio. L’adrenalina è alle stelle già a bordo del velivolo che raggiunge la quota di 4 mila metri. Poi la porta si apre ed inizia la caduta libera.

Foto di Sandro Bigozzi

Il volo si può suddividere in due parti: il momento prima dell’apertura del paracadute e l’atterraggio. A circa sessanta secondi dal lancio si apre il paracadute tandem, quando si è raggiunta la soglia dei 1500 metri d’altitudine. Prima di raggiungere il suolo ci vorranno altri cinque minuti circa in cui il passeggero potrà pensare al divertimento e godere del magnifico panorama sottostante. Dopotutto sarà compito dell’istruttore ad occuparsi di tutte le procedure necessarie per l’atterraggio in completa sicurezza.

È uno sport per tutti!

Per godere dell’esperienze del paracadute in tandem non c’è bisogno di particolari prerequisiti fisici, solamente la maggiore età. Infatti, una volta presentatosi alla scuola di paracadutismo scelta, non verrà richiesto il certificato medico. Da tenere sempre a mente che la pratica è sconsigliata a chiunque soffrisse di patologie specifiche come l’epilessia e a tutti coloro i quali hanno effettuato immersioni subacquee almeno ventiquattro ore prima del lancio.

E le vertigini? Una sensazione che difficilmente si prova dal momento che essendo molto in alto durante la fase di lancio mancherà completamente il senso di profondità. In pratica ti sentirai come se fossi un volo di linea. Mentre invece per quanto riguarda il respiro, c’è tutta l’aria di cui hai bisogno durante la caduta. Sembrerà di andare in moto.

Per qualsiasi altro dubbio o perplessità contatta tranquillamente la struttura dove hai intenzione di prenotare, il team di esperti sarà sicuramente al tuo servizio.