Catamarano Banana Joe - F.lli Galimberti (4)

L’impresa dei fratelli Galimberti raccontata il 19 ottobre presso la sede dell’ANMI di Milano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Venerdì 19 ottobre presso la sede dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Milano, in zona Darsena, si terrà la conferenza dei fratelli milanesi Francesco e Giacomo Galimberti, protagonisti del periplo dell’Italia a bordo di un catamarano scoperto e non abitale lungo appena 5 metri. Un’avventura durata quasi due mesi, partita da Ventimiglia e terminata a Trieste il 9 settembre, dopo circa 1500 miglia di mare.

Chi sono i fratelli Galimberti?

Francesco e Giacomo sono due fratelli milanesi rispettivamente di 22 e 20 anni. Il più grande si è laureato in Inghilterra in Design dell’Automobile e già nel 2016 aveva compiuto il periplo della Sardegna in solitaria a bordo di una piccola deriva. Quest’anno ha voluto coinvolgere anche il fratello, studente universitario di fisica. Per entrambi la passione per il mare e la vela gli è stata trasmessa dai loro genitori, che li hanno sostenuti in quella che è stata riconosciuta come una vera e propria impresa che ha appassionato tanti italiani.

DCIM120GOPRO

L’impresa dei fratelli Galimberti

Lo scorso 19 luglio sono partiti da Ventimiglia a bordo dell’“Hobie Cat 16” Banana Joe, in onore del grande Bud Spencer, un piccolo catamarano scoperto e non abitabile lungo appena 5 metri e largo 2. Dopo 1500 miglia di mare il 9 settembre sono arrivati a Trieste. La storia di questa circumnavigazione verrà raccontata dai diretti protagonisti nel corso di una conferenza aperta a tutti il prossimo 19 ottobre alle ore 20.30 presso la sede ANMI in viale Gorizia 9\B, in zona Navigli.

In questa occasione racconteranno i momenti di gioia e di difficoltà, come quando in Calabria, nel Golfo di Corigliano, dopo essere stati letteralmente circondati dai delfini hanno dovuto affrontare venti a 30 nodi e un’onda alta un metro e mezzo. In quell’occasione è stato faticoso governare e controllare il piccolo catamarano, evitando che si capovolgesse.

Dunque, un’avventura impegnativa e al contempo entusiasmante, fatta di intere giornate al timone, di notti trascorse sulle spiagge a dormire sotto le stelle dopo aver cucinato sul fuoco i pesci pescati alla taina, di sforzi, ma anche di soddisfazioni per essere riusciti a portare a termine quanto si erano prefissati i due fratelli.