La 46esima edizione della Marcialonga di Fiemme e Fassa sta per prendere il via domenica 27 gennaio alle ore 8 con i suoi tradizionali 70 km. Il percorso da Moena a Cavalese è finalmente ultimato dopo il grande sforzo da parte dell’organizzazione per ricostruire tutti i tratti andati distrutti dal maltempo di fine ottobre.

Come ha spiegato Fabrizio Lorenz di ITAS durante la conferenza stampa di martedì 22 gennaio: “Marcialonga è una grandissima festa a livello internazionale, organizzazione capace di sfidare intemperie e tempo avverso grazie ai volontari, la miglior immagine del nostro Trentino nel mondo.” Roberto Failoni ha aggiunto: “con Marcialonga chiudiamo una serie di gare e di feste per l’intera Val di Fiemme. Il miracolo è avvenuto e la pista di 70 km è stata ultimata.”

Alla conferenza stampa di presentazione di questo evento tradizionale erano presenti il presidente dell’ITAS Fabrizio Lorenz, il presidente di Marcialonga Angelo Corradini, il presidente di Trentingrana Renzo Marchesi, l’assessore allo sport e turismo della provincia di Trento Roberto Failoni, Paola Mora del CONI Trentino, il direttore generale di Marcialonga Davide Stoffie, il comandante delle Fiamme Oro di Moena Vittorio Zamparelli, Lorenzo Girardi di Visma Ski Classics, il team manager del Trentino Robinson Team Bruno Debertolis, l’atleta delle Fiamme Oro Giulia Stuerez, il testimonial e campione olimpico Cristian Zorzi e Chiara Zoppirolli del CeRiSM di Rovereto.

I lavori di ristrutturazione della pista

Per ovviare all’assenza di neve naturale, Marcialonga ha messo in funzione oltre 30 cannoni di cui 25 di proprietà e 8 gatti battipista. Angelo Corradini ha illustrato lo stadio dei lavori: “Mai come quest’anno abbiamo sentito vicino a noi le istituzioni. Ai primi di novembre, osservando la valle, veniva da piangere, ma ci siamo guardati negli occhi dicendo di uscire con un comunicato che diceva: “Marcialonga si fa”. Poi qualche dubbio ci è venuto, ma pian piano si è fatto tutto, incredibile.

Per far si che tutto procedesse senza particolari intoppi, l’allestimento della pista per questo grande evento è stato possibile anche grazie ad una serie di partnership importanti. A parte quella di ITAS e COOP, ci sono stati altri 4 marchi fondamentali quali Melinda, Cavit, Casse Rurali Trentine e Trentingrana.

Marcialonga: i partecipanti all’evento

Domenica 27 gennaio più di 7.500 atleti di caratura mondiale e tantissimi amatori sfrecceranno tutti assieme appassionatamente sui binari da Moena a Cavalese. Fra i probabili protagonisti alla prova Visma Ski Classics si possono citare: Tord Asle Gjerdalen, Petter Eliassen, quindi i vari Nygaard, Aukland, Pedersen, Östensen, Chernousov e gli altri russi del team Futura Dementiev, Legkov, Kriukov, ma anche Panzhinskiy. Tra le donne oltre alle “solite” Norgren, Smutna e Slind, Bruno Debertolis conferma Justyna Kowalczyk.

Tra i partecipanti ci sarà anche Cristian Zorzi che nel 2006 a Torino aveva zittito la folla portando la staffetta azzurra all’ora. Questa volta cercherà di fare lo stesso alla Marcialonga: “Ho sempre accettato le sfide sportive di tanti miei amici, ma ora sono riuscito a portare tre nomi illustri: Antonio Rossi, Paolo Bettini e Jury Chechi, tutti forti a spingere. Bettini il primo a non tirarsi indietro nonostante sia quello con meno forza nelle braccia, Jury è titubante ma alla fine la faranno, io farò tutti i 70 km e poi tenterò di trainare il gruppo, da Bettini a Rossi sino a Chechi che percorrerà il tratto da Molina a Cavalese, visto che si è tirato un po’ indietro gli toccherà il pezzo più duro!”.

Marcialonga ha un grande riscontro mediatico, soprattutto televisivo. Sarà in diretta domenica su RAI Sport, lunedì alle ore 17.30 per tre ore in differita su Eurosport2, e live un po’ in tutto il mondo. Ore 7.50 partenza donne, ore 8 partenza uomini.