padel

Ecco dove e in che modo è possibile giocare a padel secondo il DPCM

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Da martedì il nuovo decreto ha cambiato ulteriormente le sorti del Bel Paese, che sia trova interamente e, quasi equamente, diviso tra zona rossa e zona arancione.

La situazione, nonostante i vaccini siano in continuo incremento, tarda a migliorare e, sebbene ci siano questioni più urgenti, è bene dare uno sguardo alla situazione che si profila per gli amanti del padel.

La divisione per zone

Partiamo dalla temutissima Zona Rossa, che annovera la Provincia autonoma di Trento e, a livello di regioni, la Calabria, la Campania, l’Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, la Lombardia, il Piemonte, il Veneto, le Marche, la Puglia, la Toscana e la Valle d’Aosta.

In queste zone giocare a padel sarà impossibile, fatta eccezione per eventi agonistici di interesse nazionale o la preparazione di tali eventi.

Quindi, qualora non siate atleti professionisti, vi toccherà pazientare ancora un po’.

Passiamo poi alla Zona Arancione: le regioni interessate sono  Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Molise, Sardegna, Sicilia e Umbria nonchè, per quanto riguarda le province autonome, quella di Bolzano. 

Qui la situazione sarà differente, poiché il gioco del padel sarà consentito, qualora avvenga presso circoli sportivi all’aperto o al chiuso qualora dotati di strutture idonee a garantire un sufficiente ricambio d’aria. Sarà inoltre possibile uscire dal proprio comune solo qualora non vi siano centri sportivi idonei all’interno di quest’ultimo.

Nonostante non vi siano attualmente regioni in zona gialla o bianca riportiamo ugualmente le normative legate a tali zone poiché, si spera presto, alcune regioni potranno passare ad un colore più tenue, in virtù di un quadro clinico in netto miglioramento causa vaccini.

La zona gialla prevede la possibilità di giocare e a padel nelle strutture idonee e spostandosi senza limitazioni in tutta la regione.

Per quanto riguarda invece la Zona Bianca la situazione è più o meno la stessa della Zona Gialla, garantendo libera circa l’azione all’interno della regione e l’attività nei centri idonei.

In conclusione

Al momento quindi, eccezion fatta per gli agonisti in zona rossa e per coloro che si trovano in una zona arancione adeguatamente attrezzata, toccherà aspettare ancora prima di poter impugnare nuovamente la racchetta da padel.

Almeno fino al prossimo DPCM.

Visitate The Sport Spirit.

Tommaso Serena