global champions league

Seconda tappa del Global Champions League

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Si è svolta a Madrid il 22 maggio 2021 la seconda tappa del Global Champions League di equitazione.

A dominarla sono stati gli Shangai Swans. Il duo composto da Christian Ahlmann e Max Kuhner non ha commesso errori e ha chiuso il percorso con lo straordinario tempo di 153,58. Per compiere questa impresa Ahlmann ha gareggiato in sella a Dominator 2000, mentre Kuhner ha montato Elektric Blue.

2013 Longines Global Champions Tour

Global Champions League: gli altri piazzamenti

In seconda posizione hanno chiuso gli olandesi Eric e Maikel van der Vleuten che hanno gareggiato con il nome di Madrid in Motion. I due fratelli, che hanno cavalcato rispettivamente su Wunshkind e Beauville, sono riusciti a fermare il cronometro su un lusinghiero 158.80. A frenarne la corsa verso la vittoria, però, sono state le quattro penalità che hanno subito a causa di piccole infrazioni che ne hanno condizionato la gara. Al terzo posto si sono classificati i Paris Panthers. Questo team, composto da Harrie Smolders, in sella a Bingo du Park, e Darragh Kenny, in sella a VDL Cartello, ha fatto registrare addirittura un crono di 144,23, sul quale, però, hanno influito in maniera determinante e pesante le dodici penalità ottenute nella giornata iniziale.

I tempi dei singoli cavalieri

I tempi ottenuti dai singoli cavalieri sono stati sommati per ottenere il tempo totale della squadra. Il cavaliere più veloce di tutti è stato il britannico Ben Maher, in sella ad Explosion. Il suo tempo di 68.67 secondi, tra l’altro effettuato senza commettere errori ha spinto i suoi London Knights fino alla quarta posizione. Secondo miglior tempo per l’irlandese Darragh Kenny che con i suoi 69.06 secondi ha fatto conquistare ai Paris Panthers il secondo posto. Terzo tra i singoli cavalieri è stato il tedesco dei Belrin Eagles Philipp Weishaupt che in sella al suo Coby ha fatto fermare il cronometro sui 69.97 secondi.

Francesco Papa