Si è tenuta a Scalea domenica 9 giugno 2019 la seconda edizione della Gran Fondo Terun. L’evento, organizzato dalla Squadra Terun Scalea, ha impegnato la cittadina dell’Alto Tirreno Cosentino per tutto lo scorso weekend nel quale, oltre alla Gran Fondo, sono state proposte iniziative per tutti gli appassionati di ciclismo, non solo gli agonisti.

Gli eventi di contorno

Il programma è partito venerdì 7 giugno con la Convention “Una vita da ciclisti” alla quale hanno partecipato, tra gli altri, l’ex campione del mondo Maurizio Fondriest e l’ex pro Andrea Tonti. Il focus dell’incontro è stata l’alimentazione del ciclista. Sabato 8 giugno, invece, è stato dedicato al cicloturismo e alla sicurezza stradale. Infatti, la mattina i cicloturisti hanno potuto partecipare ad una pedalata non agonistica per i borghi dell’alta Calabria, mentre il pomeriggio i più piccoli hanno preso parte a “In bici sicuri”, un corso di sicurezza stradale che la Squadra Terun Scalea ha organizzato in collaborazione con l’Associazione ForSics da sempre impegnata su questo tema.

La Gran Fondo

Alle ore 8 del 9 giugno sulla griglia di partenza di Piazza Aldo Moro si sono presentati 331 atleti. Dovevano affrontare un percorso di 126 km tra la costa calabra e i monti della Basilicata. Dopo un giro ad andatura controllata nel centro di Scalea si è scatenata subito la bagarre con i migliori che hanno cercato di raggiungere le prime posizioni, mentre i meno preparati si sono dovuti accontentare di costituire piccoli gruppi nelle posizioni di rincalzo.

Il primo gruppo ha effettuato un forcing infernale sulla prima salita accumulando un notevole vantaggio e delineando quelle che sarebbero state già le posizioni di arrivo. Al passaggio sul GPM di Contrada Pecorone a Lauria è transitata per prima una fuga a tre con Mileo, Monzillo, della squadra Autoricambi Marrone, e Ciro Greco del Team Posia, campione italiano della mediofondo. A Trecchina, però, riusciva a rinvenire sul gruppetto anche Giuseppe Navedoro, corridore della ASD Pedale Elettrico, che è transitato per primo sul secondo GPM di giornata.

Ai meno dieci dall’arrivo con La Mantia, del Team Velociraptor Paolo Bettini, Greco, Monzillo, Chiarello, del Team Falco, Laddomada, della ASD Bikemania, Dalla Corte e Cardone, della Ciclisport 2000. Questi sette uomini si sono giocati la vittoria finale.

Ennesimo sprint di Greco

A transitare per primo sul traguardo di Scalea è stato Ciro Greco che bissa il successo della scorsa settimana al Giro d’Italia Amatori. Secondo Alex La Mantia e terzo Onofrio Monzillo. Greco lo scorso anno aveva già sfiorato la vittoria su queste strade, per questo ha gestito la corsa con oculatezza apparendo sempre in grado di poter staccare gli avversari, ma non lo ha mai fatto, rimanendo coperto fino a pochi metri dal traguardo.

Tutte le classifiche

La categoria ES è appannaggio di Ciro Greco, secondo Antonello Cardone, terzo Michele Martino dell’ASD Sirino. Alex La Mantia si aggiudica la categoria M1 davanti a Onofrio Monzillo e Andrea Parisi, corridore del Barbagianni S Team. Nella categoria M2 trionfa Santino Stavola della Bike in Tour Vallo di Diano, davanti a Fedele Pugliese e Giuseppe Catucci, entrambi corridori della Ciclisti del Pollino.

Tra gli M3 vince Giuseppe Navedoro davanti a Gaetano Esposito, della GigaBike, e Giovanni Paone, del Velo Club Temesa. Nella categoria M4 si afferma Michele Laddomada, dell’ASD Bikemania, davanti ad Antonio Chiarello, del Team Falco, e ad Andrea Chiarello, della squadra Kroton Cycling. Per gli M5 vince Giancarlo Leonetti, della Gigabike, secondo Roberto Fortuna, dell’ASD Cuiulbike, terzo Antonio Puccio, della Bici Club Catanzaro.

Nella categoria M6 trionfa Aurelio Sisi, dell’ASD Cuiulbike, davanti a Francesco Ferraiuoli, dell’ASD Sirino Bike, e Angelo Bovi del Kiklos Team. Tra le donne vince Mara Parisi, della Rionero Il Velocifero, a Cinzia Tarantini, del Team All Bike Ruvo di Puglia, e a Oksana Chornomorets, della Pompei Cesenatico.