Coniugando la sua passione per l’Africa e per il Cagliari Calcio, in particolare per l’intramontabile Gigi Riva, Agostino Trombetta ha fondato, insieme a Chaddad, lo Sporting Club Gigi Riva di Parakou

Il talento e l’incredibile personalità di Gigi Riva hanno valicato i confini nazionali per arrivare fino in Benin. Infatti, a Parakou gioca una piccola squadra di giovanissimi talenti che indossa la storica divisa del grande Cagliari del 1970 e sogna di partecipare al campionato di serie C beninese. Come ha fatto il campione italiano ad arrivare fin laggiù? Grazie alla travolgente personalità di Agostino Trombetta, medico d’urgenza e volontario per la Onlus Missione Africa.

Da sempre tifoso rossoblu, ha condiviso questa sua enorme passione per il pallone anche durante le sue missioni umanitarie in Africa al punto da fondare, insieme al suo amico Chaddad, lo Sporting Club Gigi Riva. “Ho sempre tifato Cagliari e il mio idolo da ragazzino era ovviamente Gigi Riva” – afferma Agostino – “così parlando di calcio con Chaddad gli raccontai le gesta del mitico campione. Tra un discorso e l’altro è venuta fuori l’idea di una nuova società sportiva e così è stato. Il nome ovviamente l’ho scelto io.”  

La nascita dello Sporting Club Gigi Riva di Parakou

Durante la sua terza missione in Africa Agostino Trombetta conosce per la prima volta Chaddad Douda Naro, un giovane albergatore appassionato di calcio nostrano. L’incontro tra i due porta alla nascita di una nuova realtà sportiva che si occupa esclusivamente di calcio giovanile. Lo scopo è infatti quello di regalare un sogno ai ragazzi della comunità di Parakou oltre che ad un posto dove potersi divertire e realizzare.

“Il calcio è amato in Africa. È visto come un divertimento, ma allo stesso tempo anche come una possibilità di riscatto e di futuro. Tutti abbiamo diritto al gioco, ma soprattutto tutti abbiamo il diritto di rincorrere i propri sogni. Per questo motivo ho scelto di intitolare la società a Gigi Riva perché, oltre alle sue indiscusse abilità con il pallone, è un calciatore che incarna sani principi morali. Si è legato ad una terra e non l’ha mai voluta abbandonare.” Spiega Agostino.

Un grandissimo esempio di solidarietà

Questa piccola realtà calcistica riscuote fin da subito un enorme successo tra i tifosi cagliaritani al punto da voler contribuire in prima persona con piccole donazioni di maglie donate, palloni e scarpette nuove. Ora però lo Sporting Club Gigi Riva ha bisogno di un’ulteriore mano per realizzare i sogni dei propri giocatori. Come spiega Agostino a theSportSpirit: “Stiamo raccogliendo fondi necessari per poter sostenere le spese per la partecipazione al campionato di serie C. Dopo un’incredibile serie di vittorie, la nostra società è pronta per questa nuova sfida.”

Silvia Barbieri