Che il gelato sia un alimento utile non vi sono dubbi vista la considerazione scientifica raggiunta dalla celebre “dieta del gelato,; ma quanto accaduto nel recente torneo di golf disputatosi a Detroit va, per così dire, oltre. Matthew Wolff, golfista professionista impegnato sul PGA Tour, nella giornata di sabato ha infilato un grande giro in 64 colpi grazie al…. furgone del gelato.

In virtù dell’assenza di pubblico durante il gioco, causa protocollo sanitario, sul campo vi era un silenzio quasi surreale che ha avuto come conseguenza di far risuonare ai giocatori i rumori provenienti dalla circostante zona residenziale. Tra questi vi era anche la musichetta proveniente da un furgone del gelato che, per alcune ore, ha percorso in lungo e in largo le strade adiacenti il golf club. La musica emanata dall’ice cream truck ha avuto un effetto rilassante in Wolff il quale, come ha dichiarato, è riuscito ad estraniarsi e non pensare più a birdie, putt e quant’altro. Non una mancanza di concentrazione, per carità, ma una sorta di estasi che lo ha portato ad un grande giro in 64, preambolo di una probabile vittoria.

Trionfo poi mancato perché il fatidico furgone non si è ripresentato nella giornata finale oltre che, aspetto forse più importante sportivamente parlando, per la prestazione del diretto rivale DeChambeau che ha infilato un poderoso quarto giro conquistando così il torneo.

Wolff, che non ha tralasciato un sorriso nel descrivere la vicenda, non si scorderà mai questo episodio, a maggior ragione essendo un intenditore del buon gelato, autodefinendosi un “Vanilla guy” per esprimere il gusto da lui preferito.