Da qualche anno a questa parte in Valtellina si svolge una competizione chiamata “Valtellina Vertical Tube“, meglio conosciuta come “Il mostro”. La gara consiste nel salire a piedi il più velocemente possibile lungo una condotta forzata dell’ENEL. La lunghezza è di 1 km., con 2.713 gradini, per un dislivello di 500 metri con pendenze che raggiungono la cifra monstre del 60°.

La scalata della condotta: le strategie e i segreti

L’inizio della scalata avviene corricchiando per alcune centinaia di metri per poi passare ad una salita “al passo” per evitare di arrivare sfiniti già a metà. Solo successivamente si inizia la corsa vera e propria che verso la fine arriva ad essere una sorta di “gattonata” dovendo affrontare pendenze disumane. È il tratto finale dunque dove il mostro dà “il meglio di sé” arrivando ad avere sembianze di vero e proprio muro.

Il segreto per riuscire al meglio in tale scalata è di rimanere in posizione eretta e concentrarsi il più possibile senza sprecare neanche una goccia di energia evitando anche il minimo dialogo. I partecipanti raccontano di un silenzio quasi irreale.

Chi partecipa alla Valtellina Vertical Tube?

Risultati immagini per valtellina vertical tube

Negli anni “Il Mostro” ha visto aumentare il numero e la qualità dei partecipanti; oltre a verticalisti convenzionali e tower runners arrivano anche skyrunners da vari paesi europei e non solo.Da segnalare in conclusione che il record assoluto di Hannes Perkman è di 13’54’’.