IMG-20210323-WA0045_2 (1)

Wing Surf: consigli per cominciare in sicurezza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Premesso che è sempre consigliabile affidarsi ad una scuola, specialmente se è la prima esperienza di sport nautici, in quanto è importante imparare a conoscere e rispettare il mare e le sue regole, vediamo insieme cosa ci serve, sia come attrezzatura che come preparazione fisica per approcciarsi al wing surf.

La scelta della wing

Innanzitutto dovremo scegliere una Wing adatta al nostro peso e all’intensità di vento che più spesso prevediamo di trovare. Sul mercato ci sono molti marchi, tutti validi per iniziare. Trovata la nostra ala nei cataloghi, dovremo innanzi tutto scegliere la dimensione. 

Le taglie più comuni vanno dalla 3 mq alla 7 mq, ognuna di queste dimensioni ha un buon range di funzionamento specificato nella caratteristiche tecniche del modello. Forse i dati più importanti sono il peso e l’apertura alare. Infatti, non dimentichiamoci che una vela grande, sarà anche pensante e toccherà spesso in acqua. 

Il nostro consiglio è di non superare i 6 mq come prima esperienza. Una buona scelta di attrezzatura potrebbe essere una 5mq per un atleta di circa 75/80 kg che desidera

usarla in mare con 14/20 nodi di vento e con skate da 8/15 nodi. 

Altra opzione potrebbe essere una 6mq da abbinare ad una più piccola 4mq, per divertirsi in più escursione di vento. La Wing dovrà essere corredata da una pompa per il gonfiaggio e di in leash di sicurezza per trattenerla al polso, così da non farla volare via quando viene lasciata.

La scelta della tavola adatta

Per quanto riguarda la tavola e l’Hydrofoil di cui parleremo più specificatamente in prossimi articoli, possiamo scegliere tra diverse tipologie: foilboards rigide o gonfiabili. Analizziamo le caratteristiche di entrambe. Le tavole rigide sono sicuramente quelle che offrono più prestazioni. 

Più stabili a parità di volume e più adatte sia a surfare, che per fare salti e freestyle. Di contro hanno dimensioni che le rendono ingombranti da portare in spiaggia. Per iniziare sceglieremo una tavola grossa e stabile, con circa 20 litri più del nostro peso. Le tavole gonfiabili, di struttura molto simile a quella dei comuni sup, si possono riporre in una borsa, finito l’uso e trasportarle più agevolmente. 

Di contro va messo in conto il fatto di gonfiarle ogni volta, una maggiore delicatezza e un utilizzo più freeride. Data la forma non ottimale, meglio abbondare con la galleggiabilità, scegliendo modelli anche con 30 litri più del vostro peso.

Concludiamo con qualche consiglio di preparazione atletica. Il Wing surf mette in moto quasi tutti i muscoli del corpo ed è consigliata un po’ di ginnastica di riscaldamento. In preparazione, è utile allenare braccia, spalle e mani. Qualche flessione sulle gambe ci aiuterà ad avere più prontezza per alzarci meglio sulla tavola.

Roberto Fornasieri