IMG-20210331-WA0022_2

Wing Surf e hydrofoil: i consigli sulla scelta migliore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Dopo aver analizzato brevemente le componenti di un hydrofoil per Wing-Surf, vediamo insieme quali possono essere
le caratteristiche per iniziare e progredire velocemente con questo meraviglioso sport. Sicuramente ci orienteremo su un foil medio grosso, molto stabile, privilegiando la robustezza. Buone misure sono: superficie alare tra 2000 e 2500cm2; lunghezza mast 70-80cm e fusoliera intorno agli 75-85cm (tra punta e coda).

Tutte main-wing intercambiabili per un unico hydrofoil (Marca Go-foil Hawaii)

Scegliete con cura la casa produttrice e informatevi sulla scelta di upgrade possibili, così che, in futuro, potrete cambiare solo alcuni componenti per aggiornarlo in base ai vostri progressi, senza dover acquistare un hydrofoil nuovo.

Vediamo ancora qualche caratteristica tecnica da conoscere per conoscere più approfonditamente la nostra attrezzatura. Sceglieremo main-wing grandi, con molta superficie per foiling a bassa velocità e con poco vento; ali più piccole, veloci e manovrabili quando, da esperti, vorremo saltare o surfare onde grosse.

Una fusoliera lunga dona stabilità, una corta reattività

Altro elemento importante per valutare la main-wing dell’hydrofoil è il suo allungamento o AR (Aspect Ratio): un’ala ad alto AR, assomiglia a quella di un aliante; essa ha come caratteristica un minore attrito e quindi più efficienza sia in velocità che il sollevamento, di contro richiede più sensibilità in partenza.

Un’ala a basso allungamento sarà più facile, robusta e di dimensioni più contenute a parità di superficie. Concludiamo consigliandovi di fare riferimento ad una scuola di wing-surf che vi possa fornire l’attrezzatura basica; in questo modo imparerete più velocemente, in sicurezza e risparmierete l’acquisto di materiale da principianti, passando, a fine corso, già a attrezzatura più piccola e divertente.