Young woman in a lotus pose on a lawn

Yoga e decondizionamento posturale: che cos’è?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo mi farà uscire dalla tana, come una musica”.

Così si rivolgeva la Volpe al Piccolo Principe. Senza scomodare Saint-Exupéry, penso che tutti noi siamo in grado di riconoscere qualcuno da lontano basandoci solo sul modo di camminare, di stare seduto o di esprimersi, quasi fosse un marchio di fabbrica. Questo avviene perché il nostro corpo è condizionato da quelle che vengono definite “limitanti” corporee e posturali. Tali condizioni limitanti sono dettate da fattori in parte genetici e in parte acquisiti. Tra i fattori acquisiti, grande importanza è ricoperta dal pensiero e dalle emozioni.

Che cos’è la psicosomatica?

La psicosomatica è la scienza che si occupa proprio della relazione tra corpo e mente, di come la mente può influire e condizionare il nostro stato fisico. Se è vero che la maggior parte di questi condizionamenti forgia il nostro aspetto e le nostre movenze, rendendoci per così dire unici, è altrettanto vero che certi atteggiamenti posturali possono configurarsi come una vera e propria problematica fisica: ogni pensiero ansioso, ogni preoccupazione, attraverso un meccanismo psicosomatico, crea un disagio al nostro corpo.

Il decondizionamento del corpo fisico

Tra i molteplici benefici che si riconoscono disciplina dello Yoga, grande importanza riveste il decondizionamento del corpo fisico: un bravo insegnante deve essere in grado di riconoscere certe problematiche dalla semplice osservazione di posture errate, capirne l’eventuale origine psicosomatica, e suggerire all’allievo il metodo più corretto per poterle correggere nel tempo, riportando equilibrio.

È importante sottolineare che si tratta di un decondizionamento che parte dal corpo: come certi pensieri ed emozioni negative hanno modificato la postura, così lo yoga, grazie ad un percorso inverso, corregge la postura per lenire indirettamente certe ferite dell’anima, dolcemente e gradualmente.

Il benessere che deriva dalla costante pratica dello Yoga, nasce anche dalla sua capacità di allentare e farci abbandonare i nostri condizionamenti.